28/01/2020 News: Nuova luce sulla codifica degli odori a livello cerebrale

Questo sito utilizza i cookies tecnici per agevolarti nella navigazione, non raccoglie in nessun modo dati sensibili o finalizzati ad alcun tipo di profilazione, gli unici dati raccolti sono esclusivamente a scopo statistico tramite il plugin di Google Analitics, al quale è comunque negato il consenso alla raccolta e archiviazione dei dati per fini di profilazione o qualunque altro scopo. Se non sei d'accordo, ti preghiamo di chiudere immediatamente la pagina.

28/01/2020 News: Nuova luce sulla codifica degli odori a livello cerebrale

  

L'Istituto di neuroscienze del Consiglio nazionale delle ricerche, con uno studio guidato da Claudia Lodovichi,  ha chiarito il meccanismo molecolare della percezione degli odori, oggetto di oltre vent’anni di ricerche nell’ambito della medicina molecolare, basato sulla formazione di mappe sensoriali cerebrali, definite da una precisa disposizione spaziale dei neuroni olfattivi guidata dal recettore dell’odore. Rilevanti per la ricerca su Parkinson e Alzheimer, i risultati sono pubblicati su Cell Reports

Immagine neuroni olfattivi

 

 

Il ruolo del fattore PEBP1 nella formazione della mappa topografica olfattiva a livello del bulbo cerebrale. In topi geneticamente modificati per non produrre PEBP1, la mappa topografica risulta alterata 

 

 

   

Press release www.cnr.it